Il maestro: il “body builder” della musica.

//

Alessandro

“Impara tutto sulla musica e sul tuo strumento, poi dimentica tutto, sia sulla musica che sullo
strumento e suona ciò che la tua anima detta” (Charlie Parker)

La musica è la più potente forma di comunicazione che l’umanità abbia mai raggiunto, è capace di
influenzare le nostre emozioni e la nostra psiche, basti pensare quante sensazioni diverse proviamo
durante l’ascolto di un brano.

Quante volte usiamo la musica per comunicare un nostro stato d’animo?
Quante volte una canzone ha riportato alla memoria un determinato evento suscitando emozioni
provate in origine durante lo stesso? Questa è l’essenza e l’importanza della musica!

Molto spesso quando si decide di intraprendere un percorso di educazione musicale tramite uno
strumento non si pensa al vero “potere magico” che la musica ha dentro di sé e non si prendono in
considerazione i benefici di imparare uno strumento musicale.

Basti pensare che suonare uno strumento è una delle attività più impegnative che l’essere umano
possa svolgere, infatti mentre si suona vengono attivate molte aree del sistema nervoso centrale
permettendo al cervello di sviluppare entrambi gli emisferi.

Il beneficio di studiare uno strumento musicale lo si può trovare non soltanto negli aspetti cognitivi
(come per esempio lo sviluppo delle capacità organizzative o lo sviluppo di una maggiore attenzione
ai dettagli) ma anche negli aspetti motori e sociali: infatti è stato studiato che aumenta l’autostima,
allevia lo stress, migliora la memoria e incrementa la capacità di risolvere i problemi.

Come diceva Charlie Parker (sassofonista jazz) la musica va imparata e poi dimenticata proprio
perché deve essere l’anima a dettare ciò che devi suonare.

Chiaramente si tratta di un discorso avanzato che riguarda i musicisti professionisti che fanno della loro arte uno stile di vita,
come per esempio i musicisti di jazz. Essi affermano che questo genere musicale non è semplicemente un
genere ma uno stile di vita.

Ma come possiamo imparare tutto sulla musica e sul nostro strumento?
La risposta è chiara: con l’aiuto del maestro di musica.

Infatti è proprio grazie a questa figura che dobbiamo imparare la musica perché da autodidatta non
riusciamo ad ottenere il massimo sul nostro strumento.

Il maestro di musica è una figura professionale che per poter insegnare musica ha già ottenuto
(durante la sua vita artistica) il massimo sul suo strumento ed è dedito all’insegnamento musicale e
che sa quanto una buona figura professionale deve essere di fondamentale importanza per l’allievo.

Molto spesso l’errore che si fa quando si vuole imparare la musica è quello di cercare nel grande
mondo del Word Wide Web tutorial o spiegazioni su come poter “imbracciare” il proprio strumento
non riuscendo a capire (soprattutto all’inizio) se quello che stiamo imparando è giusto per noi:

dobbiamo immaginare il maestro di musica come un sarto che realizza il vestito in base al corpo del cliente,
è proprio cosi che il docente, grazie alla sua professionalità ed esperienza, realizza il programma didattico in base alle esigenze dell’allievo.

Per esempio un programma didattico che parte dalle basi non sarà uguale per tutti gli allievi che partiranno da zero,
questo perché il maestro valuta diverse situazioni come per esempio il tempo che l’allievo dedica allo studio
e la velocità di apprendimento. Il ruolo del maestro è proprio questo!

L’errore che molto spesso un autodidatta compie è quello di prendere per buono tutte le informazioni
che trova nei contenuti multimediali on-line non riuscendo a distinguere se effettivamente è un’informazione utile o no.

Il maestro ha la capacita di supervisionare tutte queste situazioni che a volte si vanno a generare e che
potrebbero risultare spiacevoli, per questo è importante affidarsi alle scuole di musica per poter essere
sicuri di avere un docente di competenza adatto a voi.

C’è da dire che a volte l’insegnante di musica potrebbe rallentare il processo di apprendimento proprio
perché magari non è adatto per la vostra personalità, in questi casi non preoccupatevi perché
probabilmente sarà il maestro stesso a suggerirvi di cambiare docente proprio perché ci sono docenti

per ogni “campo di competenza”: bambini, adulti, principianti e professionisti non sono tutti uguali,per ognuno serve un docente diverso
che è esperto per esempio in propedeutica musicale (e quindi più adatto ai bambini),
in tecnica e teoria musicale (più adatto per chi già ha una bella quantità di musica alle spalle) e così via.

Ricordatevi, il maestro vi aiuta a capire gli argomenti trattati e quindi a semplificarveli, non il contrario!

Uno dei rischi di imparare da autodidatta è quello di avere delle basi non buone su cui andrete ad edificare un castello,
è ovvio che il castello non sta in piedi, con il maestro questo non potrà succedere perché sarà il vostro personale Body Builder della musica!

Vorrei fare una digressione: Non lasciate mai la tecnica e la teoria da parte!

Spesso capita che la teoria musicale e la tecnica venga vista come un ostacolo troppo grande e per
questo non viene studiata, attenzione! Non studiarla significa non sapere cosa stiamo suonando.
Senza teoria e tecnica non stiamo effettivamente imparando uno strumento, è come imparare una poesia a memoria.

È molto più utile capire ciò che stiamo suonando. Questo ci aiuta a ricordare meglio ed a usare la logica e non la memoria.
La consapevolezza di ciò che stiamo facendo è molto importante.

Immaginate di parlare in un’altra lingua solo perché abbiamo imparato a memoria alcuni termini e non l’abbiamo studiata,
non sapremo mai fare una frase di senso compiuto.

Anche nel giusto bilancio tra teoria e pratica il maestro assume un ruolo fondamentale.
Il docente non può sostituire i vostri ascolti musicali: ascoltare tanta musica è fondamentale soprattutto se si suona
uno strumento, ci aiuta ad avere un riferimento stilistico, sonoro o semplicemente emozionale e di piacere.

Ricordiamoci che la musica è viva e ha una propria anima e in alcuni casi diventa proprio uno stile di vita.
Non sottovalutiamo l’importanza del maestro!

Solamente imparando tutto sulla musica e sul proprio strumento possiamo suonare ciò che la nostra
anima detta, solo così riusciremo ad apprezzare il suo grande potere magico.

Contatti

info@rossomusiclab.it

3274305471

Seguici sui Social

Lavora con noi

Sei un insegnante e vuoi far parte del nostro team?

Scrivici a info@rossomusiclab.it e invia la tua candidatura!